La prima vendemmia Dom Pérignon

Published on Maggio 16, 2024 by admin

Filed under News

Last modified Maggio 16, 2024

Print this page

rate 1 star rate 2 star rate 3 star rate 4 star rate 5 star
Your rating: none, Average: 4 (1 votes)

This article have been viewed 71 times

Dom Pérignon può essere, con ragione, definita la prima cuvée di prestigio dello Champagne, che con l’annata 1921, è stata la prima ad arrivare sul mercato nel 1936. A quel tempo, era questa la cuvée di prestigio di Möet & Chandon. Il vino veniva prodotto con seconda fermentazione in una bottiglia regolare, solo quando sboccato, veniva poi imbottigliato nella (oggi classica) bottiglia di Dom Pérignon spessa. E fu esattamente questo il processo fino all’annata del 1943 inclusa. Le prime 300 bottiglie furono vendute attraverso un importatore inglese e ricevettero una tale attenzione che l’interesse si diffuse rapidamente attraverso l’Atlantico, fino agli Stati Uniti, dove l’ordine successivo fu per 100 casse di Champagne. Di questa prima spedizione, il miliardario americano James Buchanan Duke ordinò 100 bottiglie per sé stesso, ma ne bevve solo 83 bottiglie. Nel 2004, le ultime 17 bottiglie sono state messe all’asta da Christie’s a New York con un prezzo di vendita di $ 4.000 per bottiglia. Una delle bottiglie è stata assaggiata, e il maestro della cantina Dom Pérignon Richard Geoffroy ha detto durante la degustazione: “Eccezionalmente pallido per la sua età, il vino mette in mostra un intrigante bouquet di sandalo tostato, vaniglia, miele, praline e marzapane. Al palato, si è colpiti dalla vita, dall’energia e dalla spina dorsale. Rimane focalizzato, con una trama di pizzo. Una caratteristica chiave è l’enorme persistenza dei sapori secchi della nocciola. Nel complesso, un modello di equilibrio e concentrazione. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’attenzione cambiò a Möet & Chandon, e Dom Pérignon è diventato il suo vino, dove c’era piena attenzione all’intero processo di questo singolo vino. Möet & Chandon era ancora in etichetta fino ai primi anni ’90, e Dom Pérignon diventò da quel momento la loro cuvée di prestigio. Da allora, è stato separato come proprio marchio e oggi, c’è ancora più attenzione alla qualità e ai dettagli del vino. Diversi milioni di bottiglie sono prodotte in ogni annata, sospettiamo. Probabilmente, tra le cinque e le otto milioni di bottiglie, distribuite in tutto il mondo. La bottiglia comprende uve provenienti da diversi villaggi e, principalmente, da villaggi Grand Cru nelle aree centrali dello Champagne. C’è anche, come accennato, una piccola parte del monastero di Hautvilliers, dove Dom Pérignon ha iniziato il suo lavoro in ogni bottiglia. Il vino è combinato solo di Chardonnay e Pinot Nero, nessun’altra uva e solo il meglio del meglio è abbastanza buono. Nella maggior parte delle annate, ci sono parti uguali delle due uve nel blend, ma può variare fino al 10%. Il dosage esatto non è noto, ma negli ultimi anni è, con ogni probabilità, diminuito dai precedenti 8 grammi per litro a circa 5 grammi per litro. Un adattamento a un mercato in cui i consumatori vogliono vini con più precisione e meno zucchero.

Lascia un commento o suggerisci una modifica